Iconae Marie

Data e Ora: 

da Ven, 16/11/2018 - 14:30 a Dom, 03/03/2019 - 14:30
|

Argomento: 

|

Referente: 

|

Letture: 

34

Icone ortodosse, a Gandino un viaggio tra arte e spiritualità.

Dal 16 Novembre e fino al 3 marzo 2019 la mostra “Iconae Mariae”, allestita nella Sezione Presepi del Museo della Basilica di Gandino.

Al centro c’è la figura di Maria, colei che ha dato alla luce il figlio di Dio (Theotokos) e che indica il figlio (Odighitria) come via di Salvezza.

Saranno esposte icone teologiche, devozionali e processionali, da iconostasi oppure legate ai titoli che la Madre di Dio ha ricevuto nei secoli, alla sua presenza nella Passione e nelle raffigurazioni gloriose di Cristo. Una sezione è dedicata alle icone metalliche o da viaggio. “E’ una mostra – spiega Francesco Rizzoni, rettore del Museo di Gandino - ricca di contenuti non soltanto sotto il profilo artistico. Narra lo sviluppo dell'arte a servizio della liturgia nella chiesa ortodossa, indispensabile per promuovere l’icona nei secoli.  Un percorso utile ai cattolici per comprendere l'importanza e la potenza spirituale delle immagini sacre”.

La mostra mette in risalto icone dal XVI sec. fino ai giorni nostri, a testimonianza della continuità nelle tradizioni e della religiosità trasversale tra i popoli.

Alla mostra collaborano Russia Cristiana di Seriate, Parrocchia di S.Maria Assunta di Gandino, Gruppo Lumen, Gruppo Amici del Museo, assessorato alla cultura del Comune di Gandino e Pro Loco. In programma una serie di iniziative e conferenze di approfondimento.

Venerdì 16 novembre alle ore 20.30 è in programma l’incontro tra il teologo biblista mons. Patrizio Rota Scalabrini e l’ortodosso padre Vladimir Zelinskij, membro della chiesa greco-ortodossa del Patriarcato di Costantinopoli e docente di lingua russa all’Università Cattolica di Brescia. 



La mostra ed il Museo dei Presepi saranno aperti ogni venerdì, sabato, domenica e festivi dalle 14.30 alle 18.30 (ingresso a pagamento, minorenni gratuiti).

Visite su prenotazione ai numeri 348 5163905 e 349 4771770 oppure via mail a segreteria.museo@gmail.com.

Pubblicato da: 

webmaster il 28-10-2018