Echi d'organo 2009 - Concerto del 10 Ottobre

Data pubblicazione: 

10/10/2009
|

Categoria: 

|

Visualizzazioni: 

783

CHIESA DI SAN GIUSEPPE - Gandino
Organo Bossi del 1836

Francesco Maffeis
Manuel Epis

Scarica tutti i brani del concerto in formato mp3
Per richiedere la registrazione video (DVD) e audio (CD) scrivi a progandino@gandino.it

Brani in programma

FRANCESCO CAVALLI (Crema 1602 – Venezia 1676)
Cantate Domino et exultate
Cantata spirituale a voce sola con basso continuo
MAURIZIO CAZZATI (Reggio nell’Emilia 1620 – Mantova 1677)
Madrigale al Crocifisso Peccator pentito
dalle “Cantate Morali, e Spirituali” a voce sola, 1659
JOHANN PACHELBEL (Norimberga 1653 – 1706)
Preludio IV in D minor “quasi una Fantasia”
per organo solo
FRANCESCO DURANTE (Frattamaggiore, Napoli 1684 - Napoli 1755)
Vergin tutto amor
Largo religioso per voce ed organo
SCIPIONE DENTICE (Napoli 1560 – 1635)
Lauda alla Beata Vergine Maria
a voce sola con organo
LODOVICO DA VIADANA (Viadana, Mantova 1560 ca – Reggio nell’Emilia 1627)
O quam suavis est Domine
Cantus voce sola dai “Cento sacri concentus ab una voce”, 1614
JOHANN PACHELBEL (Norimberga 1653 – 1706)
Variationi et Fuga super Magnificat VII. Toni
per organo solo
ALESSANDRO GRANDI (Sicilia? 1575 ca – Bergamo 1630)
O quam tu pulchra es
dalla raccolta di L. Simonetti “La Ghirlanda Amorosa”, 1625
CLAUDIO MONTEVERDI (Cremona 1567 – Venezia 1643)
Nigra sum
Motetto ab una voce dal “Vespro della Beata Vergine Maria”, 1610
GIOVANNI LEGRENZI (Clusone, Bergamo 1626 – Venezia 1690)
Congratulamini Filiæ Sion
dalla raccolta “Acclamationi Divote”, 1670

Gli esecutori

Francesco Maffeis
Ha intrapreso lo studio del Pianoforte sotto la guida del M° Marco Serazzi per appassionarsi in seguito alla musica organistica con studi sulle tecniche e le prassi organistiche antiche seguendo i “Corsi di Improvvisazione Rinascimentale e Barocca” tenuti dal M° Liuwe Tamminga. Ha inoltre svolto studi nell’ambito della musica antica presso la Facoltà di Musicologia di Cremona e attualmente studia Organo e Composizione Organistica con il M° Gianfranco Moraschini. Organista Titolare della Parrocchia di S. Maria Assunta in Gazzaniga (Bg), dal 2003 ricopre il ruolo di Direttore della locale Corale Polifonica “A. Belotti”. Collabora stabilmente con gli Ensemble “G.B. Moroni” e “Canto Antiquo” e dal 2009 è organista accompagnatore della Cappella Vocale “Soli Deo Gloria”. Recentemente ha preso parte ai progetti del Teatro Minimo di Ardesio (Bg) per il quale è curatore ed esecutore delle musiche negli spettacoli. Inseritosi nel panorama concertistico lombardo, ha preso parte ad appuntamenti di assoluto prestigio, tra i quali spicca la XX edizione del “Circuito Organistico Internazionale”. Vanta inoltre un’assidua collaborazione con cantanti e strumentisti solisti.

Manuel Epis
Studia Canto Artistico con il M° Giovanni Cesare Guerini. Si perfeziona in vocalità barocca e costituisce il Trio “G.B. Moroni”. Svolge attività concertistica prediligendo il repertorio tardo rinascimentale e barocco per il quale si perfeziona inoltre con il soprano Claudine Ansermet partecipando a rinomati festivals e rassegne concertistiche tra le quali si segnalano il IV Festival Itinerante “Luoghi Immaginari…sulle ali del canto” della Regione Piemonte, i “Vespri d’Organo per l’Avvento” di Bergamo, il “Nascitur Festival” ed il “Circuito Organistico Internazionale” dell’Agimus Lombardia, il IX “Festival d’Organo in Duo” di Ferrara, il “Festival Serassi” e la Rassegna “Virtuosismi d’organo” della Provincia di Como, “Musica in Abbazia” a Morimondo (Mi) e la Rassegna di Musica sacra “Cantantibus Organis” tenutasi nella prestigiosa cornice dell’Eremo di S. Caterina del Sasso a Leggiuno (Va). Si esibisce regolarmente con i Solisti della Cappella Vocale “Soli Deo Gloria” e collabora, in qualità di I tenore, con diverse formazioni solistiche specializzate nel repertorio e nella prassi esecutiva antica, tra le quali l’Ensemble di sole voci maschili “Canto Antiquo” e l’Ensemble “Bel Canto”. Diplomato al Liceo Artistico Statale di Bergamo ha studiato alla I^ Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano.

L'organo

Organo a trasmissione meccanica, costruito dai Bossi di Bergamo nel 1836. Lo strumento, collocato in cantoria a metà della navata in “cornu Evangelii” è racchiuso in cassa lignea di elegante fattura. Prospettodi n. 19 canne in stagno, formanti tre cuspidi (7 - 5 - 7); bocche allineate a labbro superiore a mitria. Tastiera di n. 50 tasti (DO1 – FA5) prima ottava scavezza; copertura tasti: in osso (diatonici) legno di noce/ebano cromatici).
Pedaliera a leggio di n. 19 pedali; l’ultimo aziona il rollante ed il penultimo la terza mano. Registri inseriti da manette ad incastro orizzontale disposte su doppia colonna a lato destro della tastiera. Divisione tra Bassi e Soprani: DO#2 RE3. Pedaloni: combinazione libera alla Lombarda e Ripieno

La Chiesa

GANDINO - CHIESA DI SAN GIUSEPPE
Costruita dall’omonima confraternita nel 1521, venne ampliata e abbellita nei secoli XVII, XVIII e XIX. Annesso alla chiesa vi era il collegio Giovanelli retto dalle suore terziarie. L’ancona dell’altare maggiore fu realizzata dai marmisti Manni, nella nicchia è esposto il gruppo statuario della Crocifissione.
Nella chiesa si perpetua il culto di S. Francesco da Paola. Vi è conservato un raro Compianto sul Cristo morto, in terracotta policroma del XV secolo. Numerose tele di autore ignoto, databili tra il XVII e il XVIII secolo ornano le pareti, secondo il modello delle grandi quadrerie venete.

Pubblicato da: