Gandino torna medievale: rivivono le antiche porte

Erano 16, ne sono rimaste soltanto quattro
Nelle tavole illustrate da Bepi Rottigni «parlano» anche torri e opere di difesa. Sui 20 pannelli il Qr code

Pubblicato da: 

|

Data pubblicazione: 

06/03/2016
|

Letture: 

1570
Il fotografo e artista Bepi Rottigni all’opera mentre riproduce gli antichi manufatti
La ricostruzione della Porta di Cima Rapa
Porta Puteo è stata demolita a metà del 1800

Sulle tracce della cittadella tardo medievale, per «immaginare» la Gandino del passato e promuovere cultura e turismo.
È in programma fino al 13 marzo a Gandino, nella Sala Ferrari di piazza Vittorio Veneto (orari dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18) l’esposizione di 20 pannelli illustrati relativi al percorso «Gandino Medievale », promosso dal Comune all’interno del centro storico, in collaborazione con la Pro loco. «Con le sue quattordici chiese e gli innumerevoli palazzi – spiega Antonio Rottigni, delegato al Turismo – Gandino è uno scrigno a cielo aperto di testimonianze architettoniche medievali e rinascimentali. Lo stesso impianto urbanistico risale a quel periodo e in particolare alla cittadella fortificata illustrata nella grande mappa comunale “Misura e Pianta della spettabile Comunità di Gandino” del 1747. Delle sedici porte (esterne ed interne) di cui era dotata Gandino con Cirano, oggi è possibile ammirarne solo quattro, di cui la principale dà accesso alla piazza del Municipio. Essa fu però modificata nel 1960 per consentire il transito carrale. Nel secolo scorso, rispettivamente nel 1919 e nel 1955, furono abbattute anche la Porta di Cima Ripa e quella di Porta Pozzo vicino all’asilo».

Chi ha raccolto la sfida
Ecco allora l’idea di proporre, sul posto, pannelli che ricordino la storia dei luoghi, ma che soprattutto mostrino una ricostruzione illustrata degli antichi manufatti, affinchè turisti e residenti possano immaginare il contesto in cui Gandino ha scritto la propria storia.
A raccogliere la sfida è stato soprattutto Bepi Rottigni, artista e fotografo locale, che negli ultimi decenni ha raccolto una mole significativa di notizie documentali negli archivi incrociandole con una serie di sopralluoghi che confermano l’esistenza di archi, «chiamate » e murature su edifici attuali. Sono stati indizi vitali per creare tavole illustrate che le moderne tecnologie definirebbero «ad altissima definizione ».
I disegni di Bepi Rottigni danno nuova vita a porte, torri ed opere di difesa, di cui oggi sono visibili alcuni tratti e le torri di guardia di porta Pomaro e porta Lacca, entrambe riconducibili al XV secolo. I nuovi pannelli (con descrizioni storiche in italiano e inglese) misurano ciascuno 450 centimetri per 650 e propongono nell’ordine le porte Pomaro, Stretta di vicolo Canali, Fopa, «Laca e allo Spedale», Casali, Pozzo, Ostium Platea, Ramponi, Ca’ de Pozzi, de Martinelli, Cim Gandino, Cima Ripa, delle Strette, fontana Sirena, cappelletta Depositum, Cirano, Alli Moi, chiesa di Cirano, torre Al Castello di Cirano.
«È un nuovo tassello – conclude Antonio Rottigni – legato al più ampio progetto di rilancio turistico del paese e completa lo sforzo di rendere “parlanti” chiese, palazzi e monumenti. Per questo i pannelli richiamano per forma e grafica quelli installati una decina d’anni fa. Su ciascun pannello è reso disponibile anche un QRcode che rimanda, attraverso un qualsiasi smartphone, al sito turistico de “Le Cinque terre della Val Gandino” oppure consente di scaricare la App gratuita “Visit Val Gandino”».

Autore: 

Giambattista Gherardi

Autore: 

webmaster
|