Gandinese, non basta la ripresa

Promozione. Girone D. Untempo per parte con il Lemine, esce un giusto pariPubblicato da: Bergamo & Sport

Pubblicato da: 

|

Data pubblicazione: 

10/03/2014
|

Letture: 

1810
la Gandinese che ha pareggiato in casa
Il Lemine

Gandinese - Lemine 0-0
Gandinese (3-5-2): Bertuletti, Morstabilini, Savoldelli, D'Agostino (c) (23'st Spinelli), Parolini (1'st Birolini), Tommaso Carrara, Piccinini, Bergamelli, Borlini, Masserini, Cometti (1'st Stefano Gritti). All. Roberto Radici.
Lemine (4-4-2): William Mazzoleni, Frosio (34'st Capelli), Fabio Carrara, Baldi, Giorgio Rota, Andrea Mazzoleni (41'st Steven Gritti), Pellegrinelli, Ravasio, Nicolas Rota (c), Sella (23'st Perico), Bonacina. All. Giorgio Bonacina.
Arbitro: D'Amico di Lecco.
Note: Ammoniti: Morstabilini (G), A. Mazzoleni (L), Baldi (L), Savoldelli (G);
recuperi 1'+4'; angoli 8-7; fuorigioco 0-3;
spettatori 80 circa.
Migliori in campo: Masserini (G) e Bonacina.

GANDINO – Reti inviolate tra Gandinese e Lemine con le due squadre che dominano il campo un tempo per parte, senza però trovare il gol in grado di accendere la gara. Nel proprio fortino Radici ha a che fare con unGritti a mezzo servizio in panchina e con l’assenza di Mosa e del portiere titolare. Anche per Bonacina, che cerca la settima vittoria consecutiva, le assenze condizionano la formazione come quella di Dinoni in mezzo al campo.
Il primo tempo passa senza troppe emozioni causa le molte imprecisioni in fase d'impostazione, con gli ospiti che trovano il primo tiro con il corner da sinistra di N. Rota, la cui battuta impegna Bertuletti al 9'. Il Lemine alza ancora il baricentro ma il maggior possesso porta solo a collezionare calci d'angolo non sfruttati. La Gandinese risponde con le veloci ripartenze delle fasce e ai giochi di sponda delle punte, fino al 27' quando costruisce l'occasione per passare. Savoldelli entra in area dal limite destro e scarica per Parolini che stoppa sul dischetto, la conclusioneè però debole eW.Mazzoleni para senza problemi.
L'ultimo acuto di tempo è come il quello iniziale su palla inattiva, con la punizione di potenza dai venticinque metri di Bonacina che chiama alla respinta di pugni Bertuletti, lasciando il risultato sullo 0-0. Come nella gara casalinga contro il Brembate la Gandinese cresce d'intensità nel secondo tempo, grazie anche ai cambi di Radici che inserisce Birolini in mediana e Gritti in attacco, dando subito più velocità al gioco. I brembani invece risentono della crescita avversaria, faticando a uscire dalla propria metà campo.
La Gandinese cresce e al 12' reclama per un presunto contatto subito da Gritti in area di rigore, poi al 27' mette paura a Mazzoleni con una punizione a giro dal lato destro di Bergamelli che supera di pochi centimetri l'incrocio sul secondo palo. 4' dopo è il Lemine a creare un pericolo da palla inattiva con la battuta di Frosio poco oltre la mediana, la palla viene spizzata dal neoentrato Perico per l'inserimento in area di A. Mazzoleni che però noncentra lo specchio. Alla mezz’ora le due squadre recriminano per due rigori non concessi del direttore di gara che prima non sanziona un mani nell'area brembana, mentre sull'altro versante sorvola su una scivolata scomposta su Bonacina.
Al 34' la Gandinese parte in contropiede due contro due con il servizio in profondità di Gritti per Masserini che, forse stanco per lo scatto, spreca tutto con un tiro fuori. Al 41' N. Rota prova il pallonettoda fuori terminato di poco alto, 3' dopo è Masserini che dopo un'azione personale conclude dal limite con un destro di potenza che si stampa sulla traversa. La gara si chiude con l'ingresso solitario di Bonacina in area su assist di Perico, azione fermata per un dubbio offside che lascia intatto lo 0-0 finale.

Mister Radici soddisfatto
«Una buona gara»Mister Radici soddisfatto: «Una buona gara» «Malissimo il primo tempo, benissimo il secondo», le parole di Radici dopola gara. «Erauna questione di posizioni, non riuscivamo a capire come stare, avendo inferiorità numerica sulle fasce e superiorità al centro. Sistemate queste cose sei anche più aggressivo sui loro centrocampisti. Peccato la traversa e i rigori non dati. Sono contento così perché abbiamo fermato una squadra che ne aveva vinte sei di fila, anche se ci abbiamomessountempo. Sono comunque contento. Col Valcalepio sarà uno scontro diretto, noi oggi abbiamo preso delle squalifiche in difesa, speriamo rientri Mosa, anche se oggi mi sono piaciuti D’Agostino, Spinelli e Bertuletti. Questo fa ben sperare, dobbiamo racimolare punti perché la classifica è corta».
«Sapevamo di incontrare una squadra in salute come noi, temibili col propriocampo », l’analisi di mister Bonacina. «Dovevamo concretizzare di più nel primo tempo sbagliando qualcosa davanti su un campo dove è difficile giocare palla a terra, nel secondo dovevamo sfruttare meglio le occasioni che ci avevano concesso. Il direttore di gara ha sbagliato su entrambi i fronti, il pareggio mi sembra abbastanza giusto. A parte la traversa su giocata del singolo abbiamo rischiato poco.
Mercoledì abbiamo la coppa che ci porterà via un po’ di energie, poi penseremo alla gara contro il Forza e Costanza».

 

Autore: 

Kevin Massimino

Autore: 

webmaster
|