Arte, fede e sapori La Valle Seriana sforna il tour delle basiliche

Da Alzano a Clusone passando per Gandino
Una giornata completa di visite guidate e prodotti locali
Offerta rivolta a gruppi dalle 30 alle 100 persone

Pubblicato da: 

|

Data pubblicazione: 

02/12/2016
|

Letture: 

370
Dall’alto in senso orario, la basilica di Clusone; Tomasini; la volta di Gandino: le sacrestie di Alzano

È forse prematuro (ma non troppo) evocare i circuiti dei Castelli della Loira in Francia o delle Ville venete fra Venezia, Padova e Vicenza, ma la Valle Seriana 2.0 mostra di crederci e per supportare il rilancio turistico vara il progetto «La Valle delle Basiliche». La novità nasce dalla collaborazione tra le parrocchie di San Martino ad Alzano Lombardo, Santa Maria Assunta a Gandino e Santa Maria Assunta e San Giovanni Battista a Clusone, all’interno del circuito Mus.E.O. (Musei Est Orobie) che fa capo al settore SerioArt di Promoserio.

«L’idea – sottolinea il coordinatore Silvio Tomasini, rettore del Museo della basilica di Gandino – è proporre un unico itinerario, che in una sola giornata possa mostrare ai turisti le grandi ricchezze artistiche di cui sono dotate le tre basiliche e i relativi Musei di arte sacra. La sinergia è elemento indispensabile, ancor più in questo caso dove visitando i tre paesi in rapida successione si possono valutare influssi stilistici ed esperienze di grandi artisti nella loro evoluzione temporale e locale. Per dare efficacia alla promozione si è ritenuto inoltre di connotare la giornata anche a livello enogastronomico ».

L’itinerario proposto inizia ad Alzano, dove i gruppi saranno accolti da una guida nell’area sosta di via Roma. Prima meta sarà la fastosa basilica di San Martino, edificata nelle sue forme attuali a partire dal 1656 su progetto di Gerolamo Quadrio. La sovrabbondante decorazione a stucco, i numerosi dipinti e la profusione dei marmi caratterizzano il contesto tardo-barocco, dove spiccano il pulpito di Andrea Fantoni e la ricchissima cappella del Rosario, nota per la quadreria neoclassica con dipinti di Piccio, Appiani, Diotti e Camuccini. A stupire i visitatori saranno poi le sacrestie fantoniane, cui collaborarono gli ebanisti Caniana, e l’attiguo museo, con opere di Tintoretto, Fra Galgario e Cavagna.

Dopo l’agevole trasferimento a Gandino, il tour proporrà la monumentale basilica di Santa Maria Assunta, che domina il borgo medievale cresciuto grazie al fiorente commercio dei pannilana, Alla dotazione di tele ed opere dell’interno si unisce quella del Museo di arte sacra, nato nel 1928, che nel suo genere è tra i più importanti d’Europa (soprattutto per ori, argenti, merletti e antichi tessuti), con sezioni per l’arte tessile e i presepi. Rigorosamente legata a cultura e tradizione locale anche la pausa pranzo, che condurrà i gruppi al Caffè Centrale, sulla piazza del municipio di Gandino. A farla da padroni nel menu (in due distinte versioni) saranno i Sapori Seriani, selezionati da Promoserio attraverso uno specifico progetto di tutela e valorizzazione, con specifico marchio di garanzia. Alle specialità di Mais Spinato si affiancheranno gli Scarpinocc di Parre, il prosciutto crudo invecchiato nel fieno di Ardesio, la Formaggella Valseriana, la birra Scarlatta ed il gelato Melgotto.

La tappa pomeridiana conclusiva avrà come meta Clusone e la locale basilica, edificata tra il 1688 e il 1698 su disegno del Quadrio, architetto della Fabbrica del Duomo di Milano. Le innumerevoli tele che la ornano, fanno di questa chiesa una rara galleria della pittura lombardo- veneta, ove spiccano la pala dell’Assunzione del Ricci, la Nascita di San Giovanni Battista del Carpinoni e il Sant’Antonio del Cignaroli. Si segnalano inoltre il gruppo ligneo fantoniano del Crocifisso, il maestoso altare maggiore, il Pulpito confessionale e il Fonte battesimale del ‘400. Adiacente la basilica, oltre al Museo, anche l’Oratorio dei disciplini edificato nel XIV secolo sulla cui facciata campeggiano gli straordinari affreschi della Morte (1485) che rappresentano una sintesi unica in Europa dei temi della morte alla fine del Medioevo.

«L’offerta del tour – conclude Tomasini – è rivolta a gruppi organizzati da 30 a 100 componenti, che viaggiano con bus proprio. Questa è l’unica incombenza, dato che dall’arrivo mattutino ad Alzano alle 9 fino alla partenza da Clusone alle 18, assicuriamo personale di accompagnamento e guide. È richiesta una quota di 25 o 30 euro (a seconda del menu richiesto) ed assicurata una gratuità ogni 20 partecipanti». Per informazioni e prenotazioni è disponibile lo Iat ValSeriana di Ponte Nossa allo 035.704063.

Autore: 

Giambattista Gherardi

Autore: 

webmaster
|